Ipercolesterolemia: quando si parla di colesterolo alto? Approfondiamo le cause e i sintomi con i quali si manifesta e scopriamo la dieta consigliata!

Ipercolesterolemia: tutto sul colesterolo

Il protagonista dell’ipercolesterolemia è il colesterolo, una molecola della classe degli steroli che riveste un ruolo estremamente importante nella fisiologia umana poiché è un elemento fondamentale per la membrana delle cellule nervose. Senza il colesterolo l’organismo non potrebbe né costruire delle pareti cellulari stabili, né tanto meno gli ormoni sessuali e quindi viene considerato fondamentale per la vita. Quando, però, la sua concentrazione diventa eccessiva, diventa un nostro nemico depositandosi all’interno delle arterie, favorendone l’ostruzione e aumentando esponenzialmente il pericolo di infarto.

Il colesterolo viene in parte sintetizzato dall’organismo stesso. Il fegato ne produce il quantitativo necessario (1-2 grammi), e in una minima parte, viene introdotto per via alimentare (0.1-0.3 grammi). Il nostro organismo funziona, dunque, ugualmente anche senza la quota che proviene dal cibo.

Ipercolesterolemia
Ipercolesterolemia: nemica del cuore! Photocredit: 472301 By: www.pixabay.com

Ipercolesterolemia: tutto sul colesterolo

Essendo un grasso, non è solubile in acqua e, per essere trasportato nel sangue, ha bisogno dell’aiuto di altre molecole proteiche solubili in acqua: le lipoproteine. In particolare, le lipoproteine che si occupano del colesterolo sono le LDL e le HDL:

  • Le lipoproteine LDL trasportano il colesterolo dal fegato ai tessuti che lo utilizzeranno a vari scopi.
  • Le lipoproteine HDL svolgono invece la funzione opposta prelevando il colesterolo dai tessuti e riportandolo al fegato.

Nell’uso comune, l’LDL è chiamato “colesterolo cattivo” perché responsabile dei danni arrecati alle arterie. Le cellule che necessitano di colesterolo espongono dei recettori per le LDL le quali si legheranno e rilasceranno il colesterolo necessario. Tuttavia, con elevati livelli ematici di LDL la velocità con cui quest’ultime vengono interiorizzate è superiore a quella con cui vengono eliminate quelle in eccesso non utilizzate e si verifica un accumulo anomalo.

L’eccesso di LDL viene smaltito dalle HDL col processo di trasporto inverso del colesterolo. Ricevono dalle cellule periferiche il colesterolo in eccesso e lo trasportano al fegato e oltre a tale funzione le HDL svolgono altre importanti funzioni che preservano il corpo dalla deposizione delle placche aterosclerotiche  e dall’insorgere di patologie cardiovascolari come infarto ed ictus. Si comprende facilmente perché l’HDL è chiamato “colesterolo buono”. Tanto più è alta la concentrazione di HDL, tanto meglio sarà per la salute del cuore e dei vasi sanguigni.

Ipercolesterolemia: le cause

L’organismo regola la sintesi automaticamente in base ai livelli di colesterolo plasmatico. Quando il colesterolo nel sangue è in eccesso ne diminuisce la sintesi, quando è basso l’organismo ne induce la sintesi. Tuttavia, vi sono delle cause che possono alterare questo processo portando all’ipercolesterolemia.

Si parla di ipercolesterolemia quando:

  • I valori di colesterolo totale risultano superiori a 200 mg/dl;
  • I valori di colesterolo LDL sono superiori a 130 mg/dl;
  • Il colesterlo HDL si abbassa fino a valori inferiori a 35 mg/dl.

L’ipercolesterolemia può essere primaria o secondaria.

Le cause dell’ipercolesterolemia primaria

  • Genetiche: una mutazione a livello del gene che produce il recettore per le LDL comporta la mancata esposizione del recettore sulle cellule e il colesterolo non viene assunto dalle cellule accumulandosi nelle arterie;
  • Fisiologiche: gravidanza e menopausa;
  • Comportamentali: alimentazione, fumo e sedentarietà.
Ipercolesterolemia
Ipercolesterolemia: alimenti da evitare Photocredit: treestocks.org By: www.unsplash.com

Ipercolesterolemia secondaria

L’ipercolesterolemia secondaria è un aumento del colesterolo che può dipendere da cause patologiche (ipertensione, diabete, ipotiroidismo e patologie epatiche o renali) o da farmaci (pillola contraccettiva, cortisonici).

Ipercolesterolemia: dieta per tenere sotto controllo il colesterolo

L’alimentazione è estremamente importante per la cura dell’ipercolesterolemia. Ma soprattutto è un’arma vincente per la prevenzione. La migliore strategia alimentare che abbassa o contiene il colesterolo cattivo ed aumenta i livelli di colesterolo buono si basa su una dieta bilanciata.

  • Alimenti da limitare: carne rossa, frattaglie, salumi, tuorlo d’uova, crostacei, frutti di mare, burro, panna, margarina, lardo, strutto, olio di palma, olio di cocco, cioccolato, formaggi freschi, i prodotti da forno (biscotti, merendine, cornetti, brioche), dolci e salse in genere.
  • Alimenti consentiti: pesce, pollo, tacchino, manzo magro, yogurt e latte scremato, ricotta, riso e pasta integrali, pane integrale, sorbetti alla frutta, frutta e verdura fresca, frutta secca, olio di oliva, mais, soia e girasole.
Ipercolesterolemia
Frutta secca contro l’ipercolesterolemia Photocredit: 632240 By: www.pixabay.com

Una dieta per tenere sotto controllo il colesterolo deve essere leggermente ipocalorica e con 50% di carboidrati, 25% proteine e 25% grassi (di cui 15% polinsaturi e 10% monoinsaturi). Va sempre associata l’attività fisica, almeno 4 ore di attività aerobica (basta 1 ora al giorno di camminata veloce).

Articoli dello stesso autore:
Zucchero e i suoi sostituti: si o no?
Intolleranza al lattosio: sintomi, diagnosi e come affrontarla a tavola
Dieta Chetogenica: cosa c’è da sapere


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Jessica Palamides
Segni particolari: Biologa Nutrizionista. Classe 92, dal 2016 laureata con lode in biologia cellulare e molecolare ho messo la classica "ciliegina sulla torta" portando a casa un diploma di master in Dietologia e Nutrizione. Perché sono qui? Per scrivere di ciò che più mi piace e (perché no) per accendere in qualcuno la voglia di mettersi in gioco con l'obiettivo di migliorare il proprio menù quotidiano, il proprio aspetto fisico, ma soprattutto la propria salute!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here