Sangue dal naso nei bambini: quando preoccuparsi?

Capita agli adulti ma anche ai bambini che esca sangue dal naso, anche con più frequenza. Questo perché i loro capillari sono molto fragili e tendono a cedere facilmente. Vediamo le cause e quali sono i segnali che devono portare i genitori a chiedere l’aiuto del pediatra

Sangue dal naso nei bambini: quando preoccuparsi?

Le cause principali che provocano il sangue dal naso nei bambini sono generalmente le dita nel naso e il raffreddore che, con il passare degli anni, i casi saranno sempre meno frequenti. Esistono però alcune circostanze per le quali l’uscita di sangue dal naso potrebbe essere il sintomo di un problema più serio. Se riscontrate uno di questi segnali, non esitate a chiedere aiuto al vostro pediatra.

sangue dal naso
Sangue dal naso nei bambini: quando preoccuparsi? (www.inran.it)
  • Sangue dal naso frequente da una narice per volta: Quando un bambino perde sangue dal naso in maniera cronica occorre prenotare una visita specialistica in otorino-laringoiatria pediatrica. Tramite una speciale sonda luminosa, il medico controllerà le dimensioni e le ramificazioni dei capillari nasali che sono situati nella parte anteriore del naso. Nella maggioranza dei casi di epistassi da capillari deboli occorre insegnare al bambino a non mettere mai le dita nel naso ed, in caso di malattia da raffreddamento ed allergia, mantenere la cavità nasale sempre umida attraverso l’utilizzo di soluzione fisiologica ed acqua ossigenata.
  • Oltre al sangue dal naso compaiono anche nausea e vomito: questo significa che  il sangue non si limita ad uscire dalla cavità nasale ma scende anche nello stomaco attraverso la gola. E’ il segnale che il sanguinamento è importante. Occorre chiamare immediatamente il pediatra o, nel caso in cui non fosse possibile, recarsi al pronto soccorso per gli accertamenti del caso.
  • L’emorragia nasale dura oltre 5 minuti: normalmente l’epistassi nei bambini ha una durata che varia dai 2 ai 5 minuti, a prescindere dalla quantità di sanguinamento. Se passato questo tempo il sangue non si ferma, nonostante i vostri tentativi di arresto, contattate il pediatra o recatevi al pronto soccorso. Sapranno fermare l’emorragia con un medicinale vasocostrittore specifico.

Sangue dal naso nei bambini: quando preoccuparsi?

  • Emorragia nasale in seguito ad un trauma fisico: può capitare che durante il gioco i bambini subiscano una caduta o una botta. Ma prestate attenzione  e verificate che il bambino non abbia subito un leggero trauma cranico. Se il sangue che fuoriesce dal naso ha un colore ed una consistenza diversi dal normale occorre chiamare immediatamente una ambulanza. Potrebbe contenere tracce di liquido cerebro-spinale (segnale di una frattura cranica).
  • Sangue dal naso e temperatura corporea superiore a 38°C: se in seguito al sangue dal naso la temperatura corporea si alza velocemente, occorre chiamare il pediatra perché potrebbe trattarsi di un’infezione alle vie respiratorie.
  • Emorragia da entrambe le cavità nasali: questo è il segnale che deve destare maggiore preoccupazione ai genitori. Il sanguinamento simultaneo da entrambe le cavità nasali potrebbe essere segnale non di capillari deboli. Ma che il sangue potrebbe prevenire dalla gola o dai polmoni. Sono molte le malattie che si manifestano attraverso l’epistassi frequente. Ad esempio: malattie circolatorie, cardiache, problemi alla circolazione, pressione alta ed emofilia.
Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.