Sai perché a volte si presenta quel fastidioso formicolio agli arti?

Dopo aver tenuto a lungo un piede o una mano piegata in una posizione non proprio normale, sentiamo l’arto intorpidito. Sai perché a volte si presenta quel fastidioso formicolio agli arti?

È tutto un fatto di nervi!

formicolio
Formicolio agli arti (foto by pixabay)

Restare a lungo in una posizione, ad esempio a gambe incrociate, che quindi prevede una torsione della gamba non proprio usuale, può accadere che sopraggiunga un fastidioso intorpidimento. Tanto invasivo che nel caso colpisca un arto inferiore non si riesce neanche a camminare.

Questa perdita della sensibilità comunemente viene definita come addormentamento degli arti. Sempre comunemente è solito parlare di mancanza di sangue in circolazione. Non è proprio questa la causa, ma la sensazione di fastidio interviene a seguito di una compressione dei nervi temporanea. Infatti, il formicolio è causato dal nervo che, restando schiacciato, non invia i corretti segnali ai nervi spinali ed al cervello.

Cosa sono i nervi?

Il formicolio che sentiamo agli arti dopo averli tenuti stranamente piegati per un po’ di tempo, quindi, è dato dai nervi compressi. Perché i nervi sono così sensibili? I nervi sono dei canali attraverso i quali viaggiano i segnali elettrici da una zona del corpo al cervello. Quest’ultimo rielabora il messaggio e rinvia una risposta al  punto di partenza.

Attraverso i nervi, quindi il nostro corpo è in grado di acquisire le informazioni fondamentali, come ad esempio la sensazione di caldo o freddo. In questo modo, il nostro cervello elabora anche i moniti di pericolo, piacere, ecc..

Nel caso in cui il nervo venga compresso, quindi, accade ciò che avviene con un tubo di acqua attorcigliato. Nel caso del tubo, se mentre l’acqua scorre, lo annodiamo l’acqua non sgorga più. Questo, quindi, è quello che accade quando, sedendosi a gambe incrociate, i nervi non riescono più a far affluire le informazioni attraverso il corpo fino a raggiungere il cervello.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here