Sai cos’è la sindrome sgombroide?

Sai cos’è la sindrome sgombroide? Conosciuta anche cn il nome di Histamine Fish Poisoning (HFP), la sindrome sgombroide è una malattia alimentare causata dall’ingestione di prodotti ittici alterati, ecco perché dobbiamo conoscere tale disturbo e le sue cause.

La sindrome sgombroide: da cosa è causata?

Sindrome sgombroide
Sindrome sgombroide data dal pesce e non solo (foto by pixabay)

La sindrome sgombroide è causata dalla presenza di una sostanza conosciuta anche come sgombrotossina. Si tratta di una miscela di istamina e altre ammine prodotte dalla decomposizione di alcuni amminoacidi, presenti nei tessuti dei prodotti ittici.

Il nome di tale sindrome deriva dalla concentrazione maggiore di istidina libera nelle specie ittiche appartenenti alla famiglia Scombridae (tonno e sgombro). Ma non illudetevi, questo amminoacido abbonda in tutte le specie migratorie. Anzi, è bene sottolineare come l’intossicazione da istamina non strettamente collegata solo al consumo di pesce. Infatti, essa è presente in diversi alimenti come ad esempio: crauti, salsa di soia, tamari. Mentre altri cibi sono in grado di potenziarne l’azione come ad esempio: alcolici, cibi acidi, formaggi fermentati.

La sindrome sgombroide: quali sono i sintomi?

I sintomi della sindrome sgombroide appaiono rapidamente, infatti, essi sopraggiungono subito dopo l’ingestione dell’alimento. La sindrome sgombroide si manifesta con mal di testa iperemia congiuntivale, bocca che brucia, eritema (rossore diffuso della cute), orticaria, nausea, vomito, diarrea e dolori crampiformi addominali. Nelle forme più gravi di sindrome sgombroide, comunque rare, possono insorgere difficoltà respiratorie, palpitazioni, ipotensione e ischemia miocardica.

La sindrome sgombroide: come intervenire?

Nel caso in cui ci si trovi ad affrontare un caso di intossicazione da sindrome sgombroide, occorre intervenure tempestivamente. Ovviamente il primo step è chiamare i soccorsi, ma può aiutare l’impiego repentino di antistaminici. In casi rari è possibile che serva utilizzare un broncodilatatore.

ATTENZIONE: Le informazioni contenute sul sito hanno esclusivamente scopo informativo. In nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here