Una dieta a base di cibi facilmente digeribili, chiamata dieta low FODMAP, è spesso la soluzione più adatta se si soffre di colon irritabile. Scopriamo di cosa si tratta!

Sindrome del colon irritabile (IBS)

Stitichezza o diarrea persistente, flatulenza, gonfiore e dolore addominale sono alcuni dei sintomi,  a volte molto compromettenti per la qualità della vita che accusa chi soffre di sindrome del colon irritabile.

Dieta FODMAP
Dieta FODMAP e IBS Photocredit: mohamed_hassan By www.pixabay.com

Esistono differenti ipotesi sulla causa della condizione, con ruoli importanti attribuiti ad infezioni dell’intestino, anomalie della motilità intestinale, stress e altri fattori. Tuttavia, non esistono né criteri diagnostici ben definiti né protocolli relativi al trattamento che, dal punto di vista medico, spesso consiste nell’utilizzo di antispasmodici o antidepressivi, con risultati relativamente modesti e effetti collaterali non trascurabili.

Poiché le cause di questa fastidiosa condizione sono ancora oscure, l’unico strumento nelle nostre mani è l’adozione di strategie che possano favorire la remissione o l’affievolirsi dei sintomi. Negli ultimi anni molti studi si sono concentrati nel valutare l’efficacia di interventi dietetici nel ridurre i sintomi della sindrome del colon irritabile: in particolar modo l’attenzione si è concentrata su diete low FODMAP.

Dieta Low FODMAP: alleata contro la sindrome del colon irritabile

La dieta low FODMAP è stata proposta per la prima volta come terapia dell’IBS nel 2001, da alcuni ricercatori australiani dell’università di Melbourne. FODMAP è l’acronimo di “Fermentabili Oligo-, Di- e Mono-saccaridi e Polioli” (Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides and Polyols). In termini più comuni, i FODMAPs sono sostanze che hanno tre caratteristiche in comune. Esse sono:

  • Scarsamente assorbite nell’intestino tenue;
  • Molecole piccole in grado di richiamare acqua nel lume intestinale;
  • Rapidamente fermentate dai batteri intestinali.

I batteri del colon digeriscono questi zuccheri formando vari gas tra cui idrogeno e metano. Si tratta di un processo del tutto normale e che nella maggior parte dei soggetti non produce alcun fastidio: in alcuni pazienti con sindrome del colon irritabile il fenomeno pare essere eccessivo e quindi in grado di determinare i fastidi riportati.

Dieta Low FODMAP: conosciamo meglio i FODMAP

Le molecole FODMAP altro non sono che carboidrati a corta catena, quali lattosio, fruttosio, fruttani, galattani e polialcoli.

  • il fruttosio è presente nel cibo sia libero sia legato al glucosio a formare saccarosio (classico zucchero da cucina). E’ abbondante nel miele, in molti frutti e come sciroppo è ampiamente utilizzato nella produzione di cibo industriale (bibite, dolci..);
  • fruttani sono piccoli polimeri di fruttosio presenti nei cereali, in frutti (banana) e in molti vegetali: cipolla, aglio, carciofi;
  • il lattosio è il disaccaride presente nel latte di tutti i mammiferi e il malassorbimento è facilmente identificabile con un semplice esame, il breath test;
  • galattani sono polimeri del lattosio molto abbondanti nei legumi, alimenti che sono uno dei cardini delle diete vegetariane e vegane;
  • polioli sono zuccheri quali sorbitolo, maltitolo e xylitolo. I polioli sono utilizzati come dolcificanti industriali e sono indicati dalle seguenti sigle: sorbitolo (420), xylitolo (967), mannitolo (421), maltitolo (965). Proprio per il loro blando effetto lassativo è obbligatorio indicarne presenza e possibili effetti collaterali nei cibi che li contengono.

Dieta Low FODMAP: non una dieta alla moda!

Secondo la teoria dei FODMAP limitando tali nutrienti si riducono i sintomi almeno nei tre quarti dei pazienti. Nella prima fase si eliminano totalmente i cibi ricchi di FODMAP, che vengono poi reintrodotti gradualmente al fine di capire quali e in quale quantità sono implicati nei disturbi descritti. Si tratta di una dieta che non può essere improvvisata e deve essere seguita secondo le indicazioni di un professionista che fornisce al soggetto informazioni dettagliate sui cibi da evitare completamente, su quelli da consumare con attenzione e su quelli che è invece possibile consumare liberamente.

Se nel corso della dieta si è verificata una riduzione dei disturbi, dopo un periodo che va dalle 2 alle 6 settimane, si potrà cominciare a reinserire in maniera attentamente controllata i vari alimenti ricchi di FODMAP: lo scopo è di determinare quali cibi, in quali quantità e con quale frequenza di consumo, siano in grado di scatenare i sintomi.

Ovviamente, la dieta low FODMAP non è una panacea per la cura dell’IBS. Si tratta piuttosto di un regime alimentare il cui fine è di ridurre i sintomi. Ha mostrato una buona efficacia. Oltre il 75% dei soggetti che la seguono registra decisi miglioramenti e, dopo la fase di reintroduzione, spesso permette di alzare la soglia di tolleranza nei confronti di cibi scatenanti.

Dieta Low Fodmap
Dieta Low Fodmap e IBS Photocredit: 3dman_eu By: www.pixabay.com

La dieta low FODMAP è una possibile via da tentare per chi racconta spesso gonfiori, dolori addominali, intestino irregolare che non sia stato in grado di identificare una causa precisa per tali problemi.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.