Sai che piangere fa bene alla salute? Scopri perché

A volte si pensa che, chi non piange dimostra di essere più forte rispetto a chi lo fa anche di fronte ad un film. Ma forse non tutti sanno che trattenere le lacrime non solo non rende più forti, ma è dannoso per il nostro organismo. Dopo aver visto insieme i motivi per cui piangere fa bene, non dovrete più impegnarvi a trattenere il groppo in gola, ma vi sentirete liberi di concedervi un bel pianto liberatorio ogni volta che ne sentirete il bisogno.

Il pianto è benefico perché liberatorio

Basta riflettere un momento per rendersi conto che in natura, l’uomo è l’unico animale che piange e lo fa fin da subito, nel momento in cui nasce, proprio insieme al suo primo respiro. Già dal primo momento della vita, piangere è necessario per superare il trauma del parto e compensare lo sforzo di venire alla luce.
Il pianto è uno stimolo non verbale più potente delle parole perché è spontaneo ed è espresso dall’occhio, quest’ultimo non a caso definito come “lo specchio dell’anima”.
Che il pianto sia benefico perché liberatorio potrebbe sembrare scontato, ma non lo è affatto. Oltre ad essere una naturale conclusione di un evento emotivo negativo, lo scorrere delle lacrime calde sul volto stimola il rilascio di endorfine innescando così un meccanismo di auto-sollievo.

piangere fa bene
Sai che piangere fa bene alla salute? (pixabay.com)

Inoltre, piangere fa bene perché…

  • Aiuta ad eliminare le tossine in eccesso: proprio come accade con il sudore, il nostro organismo è in grado di purificarsi dalle tossine anche attraverso le lacrime. Quelle provocate da un’emozione forte contengono più ormoni prodotti dallo stress rispetto a quelle causate dalla cipolla affettata.
  • Rafforza il sistema immunitario: le lacrime, come anche la saliva, contengono il lisozima, un enzima che serve a combattere l’attività batteriologica. La produzione di questo enzima risveglia una parte efficace delle nostre difese immunitarie.
  • Aiuta a sfogare le emozioni: il pianto è strettamente legato al nostro sistema nervoso centrale, alla coscienza emotiva e razionale, per cui senza emozioni non si piange. piangere dona equilibrio al nostro stato d’animo, aiutandoci a tirare fuori ciò che ci fa stare male.
  • Aumenta l’empatia: piangere sulle spalle di un’amica è importante perché la condivisione di un momento così intimo aiuta ad alimentare il legame e l’empatia, ma anche la fiducia nel prossimo, con cui ci si lascia andare senza filtri.
  • Aiuta a prevenire altri disturbi: reprimere le lacrime potrebbe scatenare disturbi di ansia, ma anche asma e ulcere intestinali.

Non è da sottovalutare, però, il pianto frequente e senza motivo. In questo caso occorre scavare a fondo e capire le ragioni e, se occorre, anche con l’aiuto di uno psicologo nel caso in cui la vicinanza con amici, genitori o parenti non basta.

Concludendo, abbiamo capito che piangere ogni tanto fa bene e se si tratta di lacrime dolorose e amare è bello avere al proprio fianco una persona in grado di asciugarle e che grazie al suo conforto permette un sollievo più rapido.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here