10 La ricerca scientifica patrimonio dell'America

La ricerca scientifica patrimonio dell’America

Autore del contenuto

C’è da rimanere almeno sconcertati nell’assistere al grido di dolore che si leva altissimo

e con toni drammatici  da  tutti i mezzi di comunicazione stampa, televisione, social network che scandiscono  ogni istante del nostro tempo,  in occasione dei moti insurrezionali istigati dal Presidente Trump  a  seguito  dell’ assalto  al  Campidoglio di Washington considerato simbolo imperituro della grandissima e democraticissima Nazione americana dimenticando forse,  che questo popolo in anni recenti, ha assistito all’assassinio di un suo Presidente  senza indurre  la politica ad adottare   riforme capaci di limitare i rischi di attentati così sconvolgenti.

            Invero, a ben guardare, la grandezza democratica di questi cittadini e che ne caratterizza la cifra, risiede fondamentalmente nella forza della Ricerca Scientifica che consente al Paese di assegnare a tale attività produttiva  ed immateriale ingenti risorse finanziarie capaci di assecondare lo spirito di conoscenza e d’innovazione della maggior parte delle eccellenti intelligenze umane che provenienti da ogni angolo del pianeta trovano nell’America   adeguata   accoglienza  e   favorevole   ospitalità  per  realizzare i loro progetti.

E’nei circuiti dei  laboratori scientifici d’America che la catena virtuosa costituita dal collegamento tra ricerca di base, merito, impresa, prodotti innovativi, loro utilizzazione e benessere funziona con efficacia e  continuità e dove i singoli anelli della catena mettono a disposizione del mondo intero prodotti e processi innovativi capaci di migliorare significativamente i rapporti e la vita di tutti gli esseri umani, che risiede la molla che fa scattare la vera forza della democrazia intesa come confronto libero di idee, di progetti, di risultati attesi o semplicemente sperati, tra individui eguali.

E’ infatti proprio il metodo sperimentale  che, poggiando la sua forza di convincimento principalmente sulla riproducibilità dei risultati sperimentali ottenuti, che costituisce la più autentica essenza del pensiero democratico dei cittadini americani.

Viceversa, nel nostro Paese è ancora necessario non dimenticare di ricordare e ribadire

con forza  l’importanza del ruolo fondamentale svolto dalla Scienza e dalla ricerca scientifica per lo sviluppo civile dell’uomo soprattutto oggi  che siamo costretti ad assistere a dibattiti   stucchevoli, ripetitivi e sostanzialmente anti-scientifici dove si mette anche in discussione la

utilità della pratica vaccinale dimenticando che questo prodotto ha rappresentato per la intera umanità il più efficace  rimedio  capace di prevenire e debellare le infezioni più gravi

che colpiscono gli esser umani.  Basti  pensare  alla  messa a punto e produzione in soli pochi

mesi del vaccino  Anti Covid-19   di  un virus praticamente sconosciuto, reso possibile dallo sforzo congiunto ed interdisciplinare compiuto dai migliori ricercatori  del campo di tutto il  mondo, per comprendere l’importanza  del ruolo e del metodo che solo la ricerca scientifica può assicurare.

            Infatti,  nel nostro  Paese,   un  grande  numero  di  cittadini  non solo  non  considera  la

Scienza e la ricerca scientifica come un bene immateriale da tutelare e valorizzare, ma addirittura attribuisce alla scienza responsabilità e colpe che spesso sono legate alla utilizzazione perversa dei suoi prodotti che l’uomo compie contro altri uomini (energia atomica;  prodotti inquinanti etc.). La riprova di tutto ciò, sta nella scarsa attenzione che la nostra classe politica dedica alle attività di ricerca nonostante la vivacità creativa e la forte spinta alla conoscenza che caratterizzano tanti nostri eccellenti ricercatori che sono costretti a seguire le ben note strade dell’estero come peraltro già praticate da Marconi, Fermi, Natta, Faggin, Dulbecco , Levi Montalcini, etc., etc..

            C’è da augurarsi infine che in occasione della presentazione  del Piano Generale di rilancio dell’economia dell’Italia, sostenuto anche dalla Comunità Europea,  trovi adeguata accoglienza un autorevole appello formulato di recente da un gruppo di eccellenti di ricercatori italiani a favore del potenziamento organizzativo e finanziario del nostro Sistema di ricerca.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.