Una passeggiata al parco rende più felici

Lo stress è uno dei nemici peggiori che si possano avere, minaccia uno stile di vita sano ed equilibrato creando malessere mentale e fisico. Un malessere che poi si fa risentire anche sull’umore che a sua volta può portare alla depressione. La soluzione a tutto questo, o almeno un modo per aiutarci a vivere sani e felice, è molto più semplice di quanto si pensi.

Una nuova ricerca mostra che una visita di 20 minuti al parco può renderti più felice, indipendentemente se si pratica esercizio fisico o meno.

I ricercatori dell’Università dell’Alabama del Dipartimento di Terapia Occupazionale di Birmingham afferma che i parchi urbani sono grandi alleati per il nostro benessere emotivo e mentale. Visitare un parco urbano per soli 20 minuti ti farà sentire più felice, anche se non fai attività sportiva.

Emma Simpson (unsplash.com)

“Nel complesso, abbiamo riscontrato che i visitatori del parco hanno riscontrato un miglioramento del benessere emotivo dopo la visita al parco”, afferma l’autore principale Hon K. Yuen. “Tuttavia, non abbiamo riscontrato livelli di attività fisica correlati al miglioramento del benessere emotivo. Invece, abbiamo trovato che il tempo trascorso nel parco è legato al miglioramento del benessere emotivo. “

Lo studio indica i parchi urbani come elementi chiave del quartiere, offrendo ai residenti l’opportunità di godere della natura e di dedicarsi all’attività fisica. Il contatto con la natura e le attività di promozione della salute e / o sociali e ricreative nei parchi permette alle persone di trarre benefici come la riduzione dello stress e il recupero dall’affaticamento mentale. Lo studio ci tiene quindi a sottolineare come i parchi urbani siano importante per il quartiere, l’opportunità per i residenti di godere di uno spazio verde, immerso nella natura e dove potersi dedicare all’attività fisica. Soprattutto se si parla di grandi città, un parco è essenziale per ridonare alla persona il contatto con la natura perso tra i grandi grattacieli e le strade inquinate.

Per lo studio sono stati presi in considerazione tre parchi cittadini: Overton, Jemison e Cahaba River Walk Parks – a Mountain Brook, in Alabama. Questi tre parchi sono stati selezionati in quanto erano i tre principali parchi pubblici della città e hanno visto un grande volume di visitatori ogni giorno. Sono stati raccolti i feedback di 94 visitatori del parco. I risultati suggeriscono che tutti possono beneficiare di un momento da dedicare a se stessi. Trascorrere del tempo di qualità in un parco aiuta la salute, anche stando fermi seduti su una panchina

Yuen dice che lo studio ha sicuramente dei limiti – questi includono la mancanza di dati oggettivi (come è stato auto-riferito) relativi all’effetto della visita sulla salute e il benessere emotivo, e lo scopo limitato dello studio, sia per il numero di partecipanti che per diffusione geografica. Tuttavia, i risultati sono eccitanti, afferma, e sottolineano la necessità di più parchi urbani e di un migliore lavoro di conservazione su quelli già esistenti.

“C’è una crescente pressione sullo spazio verde all’interno degli ambienti urbani”, ha affermato Jenkins. “Progettisti e sviluppatori cercano di sostituire lo spazio verde con la proprietà residenziale e commerciale. La sfida che affrontano le città è che c’è una crescente evidenza sul valore dei parchi cittadini, ma continuiamo a vedere la scomparsa di questi spazi “.



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here