Un nuovo studio ha indagato sulla questione dei cibi ultra-elaborati che hanno un apporto calorico più alto rispetto ai cibi meno lavorati, ne consegue anche un aumento di peso.

Ad occuparsene è stato il team del National Institutes of Health, che afferma:”Sebbene abbiamo esaminato un piccolo gruppo, i risultati di questo esperimento strettamente controllato hanno mostrato una differenza chiara e coerente tra le due diete”, ha detto Kevin D. Hall, Ph.D., un investigatore senior NIDDK e autore principale dello studio.

“Questo è il primo studio a dimostrare la causalità: gli alimenti ultra-elaborati fanno sì che le persone mangiano troppe calorie e aumentino di peso”.

cibi ultra-processati
cibi ultra-processati

Lo studio, presso il National Institute of Diabetes e il Digestive and Kidney Diseases (NIDDK) del NIH, era di piccole dimensioni: comprendeva solo 20 volontari adulti. Gli autori riportano che si tratta del primo trial randomizzato volto a esaminare gli effetti degli alimenti ultra-elaborati come definito dal sistema di classificazione NOVA. Precedenti studi hanno lavorato coinvolgendo grandi gruppi di persone e hanno scoperto un’associazione tra diete con elevate quantità di alimenti trasformati e complicazioni di salute. Tuttavia, questi sforzi sono stati randomizzati, quindi non possono essere utilizzati per stabilire un nesso chiaro tra i due (le persone potrebbero aver avuto complicazioni di salute dovute ad altri fattori, come la mancanza di accesso ai cibi freschi, non necessariamente da ultra-elaborati quelli).

Con il sistema NOVA, gli alimenti che hanno ingredienti prevalentemente presenti nella produzione di alimenti industriali, come oli idrogenati, sciroppo di mais ad alto fruttosio, agenti aromatizzanti ed emulsionanti, sono considerati “ultra-elaborati”.

“I risultati di questo esperimento strettamente controllato hanno mostrato una differenza chiara e coerente tra le due diete”, ha detto Kevin D. Hall, Ph.D., un investigatore senior NIDDK e autore principale dello studio. “Questo è il primo studio a dimostrare la causalità: gli alimenti ultra-elaborati fanno sì che le persone mangiano troppe calorie e aumentino di peso”.

I partecipanti, 10 maschi e 10 femmine, sono stati tenuti sotto controllo al Centro Clinico NIH per un mese. Hanno dovuto seguire la dieta per due settimane a base di pasti composti da cibi ultra-elaborati o minimamente lavorati. Una colazione ultra elaborata, per esempio, potrebbe consistere in un bagel, formaggio cremoso e pancetta di tacchino, mentre la colazione non trasformata era farina d’avena con banane, noci e latte scremato. I pasti in entrambi i casi erano controllati per avere la stessa quantità di calorie, zuccheri, fibre, grassi e carboidrati. Ai partecipanti è stato permesso di mangiare quanto desideravano.

Le persone con una dieta ultra-elaborata hanno mangiato circa 500 calorie in più al giorno rispetto a quelle non trasformate. Hanno anche mangiato più velocemente e guadagnato peso, mentre le loro controparti hanno perso peso. In media, i partecipanti al gruppo ultra-elaborato hanno guadagnato 0,9 chilogrammi e hanno perso una quantità equivalente nella dieta non trasformata. “Dobbiamo capire quale aspetto specifico degli alimenti ultra-elaborati ha influenzato il comportamento alimentare delle persone e li ha portati ad ingrassare”, ammette Hall. Ad esempio, il team afferma che leggere differenze nei livelli di proteine ​​tra le diete ultra-elaborate e non elaborate utilizzate nello studio potrebbero essere una spiegazione.

“Il prossimo passo è quello di progettare studi simili con una dieta ultra-elaborata riformulata per vedere se i cambiamenti possono far sparire l’effetto della dieta sull’apporto calorico e sul peso corporeo”, spiega Hall.

“Nel tempo, le calorie extra si sommano e quel peso in più può portare a gravi condizioni di salute”, ha detto il direttore di NIDDK Griffin P. Rodgers, MD “Ricerche come questa sono una parte importante della comprensione del ruolo della nutrizione in salute e possono anche aiutare le persone identificano alimenti che sono sia nutrienti che accessibili, aiutando le persone a rimanere sane a lungo termine. “

Mentre lo studio rafforza i benefici degli alimenti non trasformati, i ricercatori osservano che gli alimenti ultra-elaborati possono essere difficili da limitare. “Dobbiamo essere consapevoli del fatto che ci vuole più tempo e più soldi per preparare cibi meno elaborati”, ha detto Hall. “Dire semplicemente alle persone di mangiare più sano potrebbe non essere efficace per alcune persone senza un migliore accesso a cibi sani”.

Quali sono i cibi ultra-processati da evitare?

I cibi ultra-processati sono quindi da eliminare dalla nostra alimentazione o bisogna ridurne il consumo.

Ecco la lista dei cibi ultra-processati più comuni secondo il sistema di classificazione NOVA

  • Bevande gassate;
  • Snack confezionati dolci o salati;
  • Gelato preconfezionato;
  • Caramelle (confetteria);
  • Margarine;
  • Biscotti, pasticcini e torte preconfezionati;
  • Barrette di cereali;
  • Bevande aromatizzate alla frutta;
  • Bevande al cacao;
  • Estratti di carne e pollo;
  • Salse “istantanee”;
  • Prodotti “salutistici” e “snellenti” come pasti in polvere o “fortificati” e sostituti dei pasti;
  • Torte e pizze precotte;
  • Pollame e pesce sotto forma di “pepite” o “bastoncini”;
  • Salsicce industriali;
  • Hamburger industriali;
  • Hot dog, würstel;
  • Zuppe, noodles e dessert “istantanei” in polvere e preconfezionati;


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here