Arriva dal Giappone il Forest Bathing: un bagno nella natura per allontanare lo stress

Una pratica giapponese prevede un bagno nella natura per allontanare lo stress.

In un mondo dominato dalla tecnologia e dalle realtà digitali, il rapporto diretto con la natura diventa sempre di più un mezzo per ritrovare se stessi e per riappropriarsi della propria vita, ritornando ad uno stato di equilibrio mentale e fisico.

Il Forest Bathing

forest bathing
forest bathing (informagiovaniagropoli.it)

Nella vita di tutti i giorni è facile cadere preda dello stress, il lavoro, la città caotica, lo smog, le luci, la vita frenetica, la casa, la famiglia… Ad un tratto una sensazione di soffocamento ci prende e l’unico istinto è quello di evadere in un’altra realtà. Una soluzione a tutto questo può essere il forest bathing, un bagno nella natura.
Si tratta di una pratica nata in Giappone per superare i periodi di grande stress e gli attacchi di panico a causa dei ritmi frenetici e dagli spazi oppressivi della città.

Forest bathing o “shinrin-yoku” in giapponese, consiste nel girovagare per i boschi e godere dei benefici di quest’attività sulla salute, tradotto significa “trarre giovamento dall’atmosfera dei boschi”. Metaforicamente una passeggiata tra gli alberi e la vegetazione, senza ansie o stress è come fare un bagno nella foresta.

Il governo giapponese ha coniato il termine nei primi anni ’80, riconoscendo i benefici sulla salute del forest bathing e destinando i soldi per la ricerca ad un hobby nazionale già popolare. Un esperto di questa pratica prevede che tra trent’anni l’attività sarà una prassi culturale diffusa come lo è lo yoga oggi.

La semplicità di un gesto naturale come quello di camminare tra gli alberi risulta essere la risposta ad un periodo della vita stressante. La cura è prevede silenzio, spazio e natura.

Come si pratica il forest bathing

Esistono decine di differenti percorsi che si possono fare all’interno della pratica del forest bathing. Quello più popolare è la semplice camminata: si lascia lo smartphone e tutto ciò che rappresenta una distrazione o un impedimento fuori dal bosco, e si inizia semplicemente a camminare lentamente. Passo dopo passo lo stress inizia a sciogliersi e la mente si sgombra dalle migliaia di pensieri che la bombardano ogni giorno.

Altri scelgono invece di non camminare ma di limitarsi a stare seduti contro la corteccia di un albero, immersi nel silenzio. Altri ancora preferiscono abbracciare gli alberi, un’altra pratica riconosciuta universalmente come cura contro l’ansia e la depressione.

Il forest bathing contro lo stress

Uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Chiba ha preso in esame 300 studenti dopo una passeggiata in città e dopo una camminata nella foresta. I ragazzi dopo una passeggiata nel verde riportavano concentrazioni più basse di cortisolo, l’ormone dello stress, frequenza delle pulsazioni e pressione sanguigna ridotte rispetto ai giorni in città. Analogamente, in uno studio condotto dall’Università di Kyoto, i partecipanti riportavano valori più bassi di ostilità e depressione dopo aver trascorso del tempo nei boschi, se confrontato al tempo trascorso in ambiente urbano.

La natura fa bene

In ogni caso, è chiaro che la natura fa bene sia al corpo che alla mente. Una ricerca condotta negli Stati Uniti ha mostrato che le escursioni nel verde schiariscono la mente più di qualsiasi passeggiata in città. Mentre uno studio europeo ha evidenziato che anche solo vivere in un quartiere pieno di alberi riduce il tasso di mortalità degli abitanti del 16%. È dimostrato che trascorrere del tempo nella natura allevia la depressione, migliora la concentrazione e la creatività e ti fa sentire più vivo.

Potrebbe interessarti anche:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here